A maggio il cuore di Genova diventa una grande vetrina del design contemporaneo

GENOVA. Il cuore del centro storico genovese come una grande vetrina diffusa con il meglio del design contemporaneo. Promossa dal Distretto del Design (DiDe) si terrà dal 18 al 22 maggio la terza edizione di Genova Design Week, un progetto nato nel 2018 da un gruppo di coraggiosi e visionari professionisti guidati dalla gallerista Elisabetta Rossetti. Per cinque giorni antichi e sontuosi palazzi genovesi, molti del circuito dei Rolli, apriranno portoni e androni per ospitare una cinquantina di espositori provenienti da tutta Italia. E se lo scorso anno, nonostante la pandemia sono stati effettuati 115 eventi, in questo 2022 di ripartenza ne sono previsti almeno 150: mostre, convegni, dibattiti, visite guidate e concerti.

«Un evento sia consumer sia business – racconta Rossetti – che vuole offrire agli operatori professionisti del settore la possibilità di avere a disposizione una vetrina non convenzionale delle loro eccellenze e novità. Un evento per far conoscere al pubblico le realtà produttive del total design genovese, ligure e italiano all’interno dell’affascinante cornice del centro storico e dei suoi palazzi pluricentenari».

Non solo. Quest’anno la Genova Design Week raddoppia e offre anche il tema del design nautico, una delle eccellenze della Liguria. Con Confindustria Nautica, nuovo partner della manifestazione per il settore marittimo, sostengono il progetto pure Comune, Camera di Commercio, Confcommercio e Regione Liguria. «Il nostro intento è di contribuire a sostenere la leadership della città nel mondo nautico – prosegue Rossetti, presidente del DiDe – Questa edizione avrà come tematica principale il «tempo», inteso come asset strategico per lo sviluppo della qualità, della sostenibilità, dell’industria e del commercio e per il benessere dell’individuo».

La manifestazione, come sottolinea l’assessore Paola Bordilli, ha anche un altro ambizioso obiettivo: ricercando, diffondendo e valorizzando il design, rigenerare una porzione sempre più ampia del centro storico cittadino. Quando Rossetti con la sua galleria d’arte e i suoi partner arredatori, designer, architetti e creativi si sono insediati fra via Chiabrera e via Giustiniani sembrava una scommessa folle. In 4 anni il distretto si è allargato, hanno aperto altre 14 attività e ne sono in arrivo di nuove, accanto a botteghe artigiane di qualità, ristoranti e vinerie. Trasformando un angolo buio dedito allo sballo, in un percorso glamour a due passi dal porto antico ridisegnato da Renzo Piano e dall’Acquario. Quel che si dice un percorso virtuoso di rigenerazione urbana.

«Le nostre imprese – spiega Paolo Odone, presidente di Confcommercio Genova – hanno continuato a seminare e, finalmente, colgono i risultati con un evento di alto profilo che, per cinque giorni, renderà il centro storico genovese la capitale del design e della creatività».


Source link

Acerca coronadmin

Comprobar también

A Test for Taiwan’s Compliance with the Two Covenants • The European Times News

The European Union is increasing its cooperation with Taiwan. It is an essential economic partner, …

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.