Covid, in Alto Adige altri tre morti e quasi 600 contagi – Cronaca

BOLZANO. Ci sono altre tre vittime del Covid, due donne e un uomo, e 593 nuovi contagi in Alto Adige nel bollettino di oggi (30 marzo) dell’Azienda sanitaria.

I laboratori dell’Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 660 tamponi PCR e registrato 60 nuovi casi positivi. Inoltre 533 test antigenici positivi.

Stabili i ricoveri: 69, uno in più, nei reparti ordinari, e 3 in terapia intensiva.

I numeri in breve:

Dati casi positivi del 28.03. per fascia d’età:
0-9: 69 = 12%
10-19: 81= 14%
20-29: 64= 11%
30-39: 89= 15%
40-49: 83= 14%
50-59: 101= 17%
60-69: 35= 6%
70-79: 34= 6%
80-89: 22= 4%
90-99: 15= 3%
Totale: 593 = 100%

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 69

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate (postacuti): 32 (agg. al 29.03.)

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco: 5

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 3

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 1.448 (+3; 1M 70-79, 1F 70-79, 1F 80-89)

Persone in quarantena/isolamento domiciliare: 7.256

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 307.477

Guariti totali: 189.372 (+0).

L’Azienda sanitaria informa che a causa delle diverse indicazioni a livello nazionale e regionale, è stata rilevata una discrepanza nelle cifre delle infezioni fino ad ora comunicate. Il numero totale di infezioni rilevate in Alto Adige differisce da quello registrato a Roma. Tale divergenza nelle cifre ora è stata corretta.

Fino a metà gennaio 2021, il Ministero della Salute italiano «contava» infatti come casi positivi al Covid solo i test molecolari PCR positivi, mentre l’Alto Adige contava anche le persone risultate positive a seguito di un test antigenico.
 “L’allineamento tra le cifre riportate da Roma e quelle dell’Alto Adige viene applicato a partire da oggi – informa l’Asl – ricordando che “è un dato di fatto che, grazie al riconoscimento dei test antigenici quale prova della presenza del virus in fase precoce – mesi dopo questo sarebbe accaduto su tutto il territorio nazionale – i focolai possano essere individuati con anticipo e che questo permetta di interrompere la catena delle infezioni già in una fase iniziale, rallentando la diffusione del virus”.




Source link

Acerca coronadmin

Comprobar también

18 migrants die in mass attempt to enter Spain’s enclave Melilla in Marocco

Issued on: 25/06/2022 – 09:04 At least 18 African migrants died when a huge crowd …

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.