Ponte 25 aprile, boom di presenze in città  – Cronaca

Ripartire. Subito, per recuperare il tempo perduto. Dopo due anni di chiusura causa pandemia qualcosa si muove in città, turisticamente parlando. È molto contento di come sono andate le cose nell’ultimo fine settimana “lungo” Aldo Trezza, presidente della Confesercenti cittadina e consigliere confermato della Camera di Commercio di Salerno. «Ci possiamo ritenere soddisfatti – ha affermato – dai primi riscontri ottenuti, infatti, risultano essere state prese d’assalto le strutture ricettive della città, soprattutto le case vacanze ed i bed & breakfast».
A Cava de’ Tirreni, infatti, non bisogna dimenticare che il turismo ha un cuore antico. La città metelliana nel 1928 fu riconosciuta “Stazione di Soggiorno e turismo” e l’anno dopo venne istituita l’azienda autonoma di soggiorno e turismo, uno delle più antiche d’Italia, soppressa alcuni anni fa.
Ora bisogna invertire la rotta con impegno e professionalità. Il borgo porticato, le bellezze storiche e paesaggistiche, i villaggi con la loro storia, la millenaria abbazia benedettina della Santissima Trinità sono solo alcuni importanti attrattori turistici dai quali ripartire «per riportare in vita la belle époque cavese ed i tanti villeggianti, eredi di quei viaggiatori che ne scoprirono le bellezze nel corso dei secoli», come ricorda in una sua pubblicazione, Raffaele Senatore, uno degli ultimi direttori dell’azienda di soggiorno cavese, venuto a mancare prematuramente alcuni anni fa. Il rilancio del turismo, importante segmento dell’economia locale, però impone un grande impegno di tutta la filiera.
Il risultato dell’ultimo week end, secondo Trezza, è stata una «buona iniezione di fiducia” per l’immediato futuro turistico della città. Si comincia a vedere con sempre maggior chiarezza la luce in fondo al tunnel – ha sottolineato – le presenze in città hanno costituito linfa vitale per i commercianti, ristoratori e operatori della movida, nonostante il tempo non sia stato clemente. Non solo turismo di ritorno, in molti hanno preferito soggiornare nella nostra città e poi spostarsi anche in località viciniore per visitare località come Capaccio Paestum e Pompei dove si trovano siti archeologici di notevole importanza».
In molti hanno scelto di soggiornare in città metelliana per poi spostarsi e raggiungere la vicina “divina” Costiera amalfitana. «Anche gli eventi di “Benvenuta Primavera” organizzati dalla nostra associazione e coordinati da Massimiliano Memoli – ha continuato Trezza – stanno riscuotendo un buon successo nel rispetto delle regole anticovid perché, purtroppo, la pandemia ancora non è un capitolo chiuso». Non bisogna, però, cullarsi sugli allori, è, infatti, importante, secondo Trezza «metter in piedi con l’amministrazione comunale una strategia per consolidare queste segnali di ripresa». (f.r.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA




Source link

Acerca coronadmin

Comprobar también

Los crímenes de odio contra los asiáticos aumentaron un 177% en California en 2021

La cantidad de delitos de odio en California aumentó por tercer año consecutivo en 2021 …

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.