La vita al confine con la Russia: viaggio in Finlandia tra Nato, bunker e frontiere chiuse


Pur avendo combattuto due guerre sanguinose con l’allora Unione Sovietica dal 1939 al 1940 e dal 1941 al 1944, la Finlandia è riuscita nei decenni a costruire un solido rapporto di amicizia, di collaborazione e di scambi commerciali con la Russia, con cui condivide 1.300 chilometri di confine. Dopo l’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio scorso, però, le cose sono cambiate drasticamente e nella mente di molti finlandesi sono riemersi i ricordi poco piacevoli dell’aggressione di Stalin di quasi un secolo fa, che è costata al Paese il 10 per cento del suo territorio.

 

Viaggio al confine dell’Europa, tra corsi della protezione civile per la gestione dei bunker e allenamenti di tiro sportivo con fucili e pistole organizzati dai riservisti. Fino alla frontiera, chiusa ieri per il Covid e oggi per le sanzioni Ue a Mosca, dove regna il più assoluto silenzio e si fanno i conti delle perdite milionarie per l’assenza di turisti russi, mentre il governo è pronto ad abbandonare la tradizionale neutralità per entrare nella Nato.

 

Di Antonio Nasso


Source link

Acerca coronadmin

Comprobar también

Garcetti quería 9.735 policías. Pero LA no alcanzará ese objetivo

El Concejo Municipal de Los Ángeles redujo El plan de gastos del alcalde Eric Garcetti …

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.