Carabinieri in Alto Adige 251 arresti. E ogni due giorni un intervento per maltrattamenti in famiglia – Cronaca

BOLZANO “Quindicimila chiamate di emergenza sono state transitate dal 112 alle nove centrali operative dei carabinieri sul territorio, che hanno espresso ben 41.376 (114 al giorno in media) servizi preventivi (pattuglie e perlustrazioni) svolti dai presidi dell’Arma (80 Stazioni, 9 Nuclei Radiomobili) su tutto il territorio provinciale, senza mai trascurare i piccoli centri e le aree rurali, dove la presenza dell’Arma è capillare”.

Oggi, 7 giugno, in Alto Adige i carabinieri hanno festeggiato i 208 anni dell’Arma nella caserma Guerra del settimo reggimento di Laives. Una festa che è anche il momento per “raccontare” l’anno trascorso. Un racconto fatto anche di numeri. 

Di prima mattina il comandante della Legione Carabinieri Trentino Alto Adige, Generale Marco Lorenzoni, ha deposto una corona d’alloro presso il monumento ai caduti della caserma Gentile di viale Druso, sede del Comando Legione, in ricordo di tutti i carabinieri caduti, in Patria e all’estero.

Complessivamente, i Carabinieri hanno identificato 175.832 persone, verificato 97.467 documenti d’identità e controllato 121.105 veicoli. Nell’attività di controllo è stato essenziale l’impiego del Nucleo Cinofili di Laives, spesso in collaborazione con le unità cinofile della Guardia di Finanza, in un quadro di straordinaria sinergia istituzionale.

Notevole è altresì stato lo sforzo nell’attività di contrasto alla criminalità, svolta da tutti i reparti in piena sinergia con l’autorità giudiziaria, che ha portato alla denuncia in stato di arresto di 251 persone e 3.708 in stato di libertà.



10.608 i reati perseguiti dall’Arma altoatesina a fronte di 15.224 reati commessi. 

Nel corso dell’ultimo anno – spiega una nota – particolare attenzione è stata posta al problema della violenza di genere e su tutti i reati da “codice rosso”, attività repressiva che ha visto i carabinieri ad esempio procedere 168 volte per maltrattamenti in famiglia (66% del totale), 43 volte per violenza sessuale (65% del totale), 83 per atti persecutori (67% del totale).

La risposta determinata al fenomeno ha visto la formazione di militari specializzati nel settore nonché la presenza delle sale per l’audizione protetta realizzate a Brunico, Merano e – da quest’anno – a Laives, grazie anche alla collaborazione di comuni e associazioni private senza scopo di lucro.

Per quanto riguarda i comportamenti penalmente rilevanti dei minorenni, i carabinieri della provincia hanno riferito all’autorità giudiziaria minorile circa 300 ipotesi di reato, prioritariamente lesioni/percosse, furti, danneggiamenti e spaccio di droga. Ad essere vittime di tali comportamenti sono spesso giovani coetanei degli stessi autori.

Con la pandemia sono aumentate le truffe online. Anche in quest’ambito i Carabinieri hanno portato avanti iniziative per diffondere consapevolezza del fenomeno, in collaborazione con le istituzioni locali.

La tutela del lavoro rimane una priorità. Sono state 281 le aziende controllate, in piena sinergia con l’Ispettorato Provinciale del Lavoro. Sono stati identificati 681 operai, tra i quali anche minori e anche stranieri irregolari. I datori di lavoro denunciati all’autorità giudiziaria, spesso per violazioni inerenti la sicurezza e il rispetto della normativa anticovid sono stati 41.

Incessante – prosegue l’Arma – anche il contributo alla sicurezza stradale: in 12 mesi quasi 1.181 sinistri stradali rilevati (di cui 414 in centro abitato, 842 in strade statali e provinciali), con 828 feriti (47 pedoni) e 12 decessi (3 pedoni). 7 i conducenti denunciati per omicidio stradale e 27 per lesioni, 5.310 le violazioni al codice della strada contestate di cui 414 per guida in stato d’ebbrezza e 18 per guida sotto l’effetto di droga (entrambe penali), 195 veicoli sequestrati, 117 fermati.

Nella sola estate 2021, l’Arma ha organizzato ben 32 giornate di controlli sui passi montani con 47 violazioni contestate, 89 punti patente decurtati e 340 motocicli controllati. Il calendario di controlli dell’estate 2022, con una quarantina di giornate programmate, è già stato avviato, anche con la collaborazione di Provincia e Comuni, che hanno messo a disposizione personale e mezzi per il controllo della rumorosità dei veicoli.




Source link

Acerca coronadmin

Comprobar también

Los crímenes de odio contra los asiáticos aumentaron un 177% en California en 2021

La cantidad de delitos de odio en California aumentó por tercer año consecutivo en 2021 …

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.