Otto e mezzo, la previsione di Paolo Mieli su M5S e Conte. Lilli Gruber salta dalla sedia – Il Tempo


Giada Oricchio

“Conte dovrebbe uscire dal governo e appoggiarlo da fuori”. Paolo Mieli, storico ed ex direttore del Corriere della Sera, suggerisce a Giuseppe Conte, presidente del Movimento 5 Stelle, la soluzione per risolvere la diarchia intestina con Luigi Di Maio, ministro degli Esteri, e recuperare credibilità davanti agli elettori.

Durante la puntata del talk «Otto e Mezzo» su La7, venerdì 17 giugno, la conduttrice Lilli Gruber ha fatto notare che i pentastellati sembrano aver perso la capacità di parlare alla pancia del Paese, troppo concentrati sulla lite furibonda tra Conte e Di Maio. Alla domanda se arriverà la scissione, Mieli ha risposto piatto: “No, se Conte farà quello che dovrebbe fare cioè togliere i 5 Stelle dal governo Draghi lasciandolo però in maggioranza”.

Senza restrizioni il virus straborda. Capua tuona contro gli italiani, la reazione della Gruber

Gruber e Padellaro sono saltati sulla sedia: “Ma così l’esecutivo cade!” e il sofisticato Mieli: “Ma noo, lo fece anche Berlusconi con il governo Letta che non cadde. Sul famoso governo del 2013, quando lo condannarono, Berlusconi uscì e diede appoggio esterno. I governi non cadono se si vuole”.

Secondo il giornalista, Giuseppe Conte dovrebbe passare in un campo, continuare a votare il governo lasciando la maggioranza e un ministro. Quale? Di Maio perché con una crisi internazionale il titolare della Farnesina non si cambia. Come già accaduto con il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la pandemia. Paolo Mieli ha chiosato: “Se Conte seguisse la via di una semi opposizione può avere dei risultati nelle urne”.

Un usurpatore. Crollo M5s, Sallusti disintegra Conte: occhio alla Gruber, la reazione

Un’ipotesi irrealizzabile secondo Antonio Padellaro: “Draghi non è Fanfani, nel momento in cui Conte dice ‘usciamo dal governo, ma restiamo nella maggioranza’, saluta e se ne va”, “Eh va beh, si andrà a votare a ottobre, pazienza, tanto i vitalizi ormai li hanno presi” ha replicato Mieli. Il consiglio di Padellaro al movimento fondato da Grillo è quello di comportarsi con senso di responsabilità e ha ricordato che c’è un altro problema per i 5 Stelle: il limite dei due mandati in base al quale lo stesso Di Maio non potrebbe candidarsi alla prossima tornata elettorale. Levarlo o no? Mieli ha tuonato: “Se lo cambiassero, sarebbe un’onta, una vergogna, tutti li prenderebbero in giro, devono mantenerlo per forza. In caso contrario, farebbero una figura di palta”.






Source link

Acerca coronadmin

Comprobar también

Réunion de l’OMS sur le monkeypox, possible urgence sanitaire mondiale

NOUVEAUVous pouvez désormais écouter les articles de Fox News ! L’Organisation mondiale de la santé …

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.